Lepanto

Immagine Battaglia di Lepanto

Lepanto

 

La battaglia di Lepanto (1571) è stata sicuramente una delle più grandi battaglie navali della storia di tutti i tempi, soprattutto per le conseguenze storiche che ne derivarono, paragonabile forse solo a quella di Anzio del 31 a.C. tra Antonio e Ottaviano Augusto che spostò definitivamente l’asse di influenza politica del Mediterraneo da oriente a occidente.

Lepanto fu uno dei maggiori eventi navali di tutti i tempi: 240 navi cristiane contro 285 turche, centomila uomini imbarcati sui due schieramenti. Ma un importante evento storico è caratterizzato soprattutto da uomini e ideali, e la storia di quello scontro mise in gioco la vita dei più famosi personaggi dell’epoca oltre alle sorti e al futuro di territori dal Medio Oriente all’Europa occidentale.

“Lepanto” si propone di raccontare non solo gli interessanti aspetti militari di quell’importante evento, ma di evidenziare le caratteristiche umane e culturali che portarono ad uno dei più importanti punti di svolta della storia.

Il progetto, di carattere storico artistico, attraverso l’esposizione di reperti storico artistici - cimeli, armature, testimonianze storico archivistiche - e con l’ausilio di diorami, filmati e videoinstallazioni, si propone di entusiasmare il grande pubblico alla critica storica e alla conoscenza degli eventi di quel affascinante periodo storico e dei suoi personaggi che molta parte hanno avuto sulla nostra attualità e sulla cultura occidentale.

Caratterizzato inoltre da un’importante valenza culturale il progetto espositivo ha come intento di ricordare come la battaglia di Lepanto abbia garantito la continuità e la sopravvivenza di quei valori sociali, culturali e religiosi che reggevano la cultura europea, contribuendo a realizzare quella strada di unione, civiltà e coesione che l’Europa oggi ha raggiunto.

Attorno alle gesta della battaglia di Lepanto nacque un mito che per taluni aspetti sopravvive tuttora.

I pittori, come Tiziano e Veronese, i poeti e gli scrittori come Cervantes e Herrera, dipinsero e cantarono gli avvenimenti di quello scontro come un evento di epica moderna. Gli stessi protagonisti della battaglia, soldati, marinai, cavalieri, nel gioco dei ricordi finirono per essere artefici di fantastiche storie mirabilanti, di millantazioni e pie esagerazioni contribuendo a creare la leggenda di Lepanto.